data matrimonioLo si organizza meticolosamente per mesi, ma poi le cose non vanno quasi mai come previsto. Con tutte le variabili in gioco (parenti, amici, testimoni, fotografie, filmati, ritardi, assenti dell'ultimo momento, presenti non richiesti e, ovviamente, situazioni meteorologiche inaspettate) gli imprevisti determinano più di ogni altra cosa l'andamento della cerimonia.

È per questo che è necessario una buona dose di autoironia e di grande senso dell'umorismo, di voglia di divertirsi insomma, soprattutto in un giorno di cui ricorderemo per sempre le emozioni.

Ma quando si parla di matrimonio il rischio è che tutti diventino seri! Tradizioni e consigli prendono il sopravvento. Anche se si tratta di un avvenimento pubblico, resta comunque qualcosa che appartiene agli sposi.

sposi feliciÈ perciò d’obbligo realizzare un matrimonio a propria immagine e somiglianza (di lei e di lui, o forse pensate che lo sposo vale meno?) cercando comunque di barcamenarsi tra mamme e papà, consigli di lontane zie che non si facevano vedere da anni ed amici che fanno a gara per fare i testimoni.
Certo, andare contro tutti ci lascerà l'amaro in bocca dopo la cerimonia, perciò non è il caso di esagerare, ma rinunciare ad esprimere il proprio punto di vista in un evento di cui si è protagonisti può portare grandi rimpianti nei mesi (a volte negli anni) successivi.

Ecco perché è importante arrivare alla cerimonia con un'ottima organizzazione, ma anche e soprattutto con lo spirito leggero, per affrontare l'inaspettato col sorriso.

sposa stancaD'altra parte i mesi che precedono l'evento sono stressanti e spesso mettono a dura prova i due futuri sposi: in particolare Lei per le 1000 cose a cui deve pensare e Lui per la pazienza che deve avere con lei! Anche in questi mesi di prove e contro prove ci si può divertire con il partner e con gli amici (e persino con i parenti), o si possono inventare sotterfugi per rimanere soli e preparare qualche sorpresa.

Comunque ogni momento è particolare e varrà la pena ricordarlo, nel bene e nel male, come è capitato a chi ha inserito la sua esperienza in questo sito.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Cookie Policy.

Chiudi avviso